FarmacistaPiù. A Roma il 7 giugno la presentazione della IX edizione del congresso dei farmacisti italiani

Prosegue il confronto sull’evoluzione professionale dei farmacisti e sui nuovi modelli di continuità assistenziale.

A cura di Redazione Farmalavoro

Negli ultimi due anni la professione del farmacista è profondamente cambiata: l’emergenza pandemica ha fatto emergere nuove esigenze e criticità del Servizio Sanitario, a cui il farmacista ha saputo rispondere con elevati livelli di efficienza, apprezzati non soltanto dalla comunità, ma anche dalle Istituzioni. Il periodo di emergenza vissuto sul campo e gli ultimi mesi stanno portando la categoria a una riflessione sul futuro rilancio della sanità, con particolare riferimento ai nuovi modelli assistenziali basati sulla prossimità territoriale e sull’inevitabile evoluzione del ruolo professionale.

Si rinnova, per questo, l’annuale appuntamento con FarmacistaPiù, il congresso dei farmacisti italiani, realizzato con il patrocinio della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani (Fofi), su iniziativa di Federfarma, Fondazione Cannavò e Utifar e con l’organizzazione di Edra.

Per conoscere il titolo della nona edizione, le modalità di svolgimento del congresso e approfondirne i nuovi contenuti, martedì 7 giugno alle ore 12.00 a Roma (Nobile Collegio Chimico Farmaceutico, Via in Miranda 10) avrà luogo l’evento di presentazione dell’iniziativa alla presenza del Presidente del Congresso e di Fofi, l’On. Dott. Andrea Mandelli, del Dott. Marco Cossolo (Presidente Federfarma), del Sen. Dott. Luigi D’Ambrosio Lettieri (Presidente Fondazione Cannavò) e del Dott. Eugenio Leopardi (Presidente Utifar).

“Abbiamo lavorato negli anni per consolidare il ruolo del farmacista come riferimento del Ssn, affiancando sempre cittadini e pazienti, pur nelle complessità determinate dalle situazioni contingenti – afferma Andrea Mandelli, Presidente della Fofi e Presidente del Congresso 2022 -. FarmacistaPiù è sinonimo di aggiornamento e dibattito: con i colleghi definiremo le prospettive legate all’evoluzione professionale, con riferimento al nuovo ruolo del farmacista, attore indispensabile nell’assistenza di prossimità. L’appuntamento del 7 giugno p.v. sarà l’occasione per condividere i temi e gli obiettivi di questa importante nona edizione del Congresso”.

“L’esperienza della farmacia oggi è sempre più protagonista dell’evoluzione medico-scientifica: abbiamo confermato con maggior forza le nostre competenze, capacità, progetti e proposte, di cui parleremo durante la presentazione di FarmacistaPiù 2022. Appuntamento al 7 giugno p.v.” aggiunge il Presidente di Federfarma Marco Cossolo.

Luigi D’Ambrosio Lettieri, Presidente di Fondazione Cannavò, sottolinea che “Nonostante la pandemia abbia evidenziato le lacune dei nostri sistemi sanitari, i farmacisti hanno dato dimostrazione di come la professione rappresenti la prima porta di ingresso del cittadino nella salute. È dunque nostro compito contribuire al rilancio della sanità territoriale con impegno e fiducia: FarmacistaPiù rappresenta, come ogni anno, un laboratorio di idee e confronto necessari per garantire alla professione di evolvere in sinergia e ridisegnare insieme nuovi modelli di assistenza”.

“Utifar promuove FarmacistaPiù sin dalle prime edizioni: l’appuntamento annuale costituisce un momento di confronto indispensabile, alla luce delle continue evoluzioni professionali e delle mutate esigenze della società. I temi da affrontare sono tanti, ma con l’impegno e la resilienza che da sempre caratterizza la categoria siamo certi di poter contribuire al ridisegno dei nuovi strumenti di promozione della salute” conclude il Presidente di Utifar, Eugenio Leopardi.

 

Fonte: IlFarmacistaOnline

To top