Delega lavoro (art.22). Sindacati a Lorenzin e Saitta: “No a proposta Regioni su accesso a Ssn per laureati non specialisti”

I sindacati scrivono al Ministro e al coordinatore delle Regioni e in vista dell’incontro di mercoledì si ricompattano anche sul tema dell’accesso al Ssn

A cura di Redazione Farmalavoro

Delega al lavoro in sanità. L’intersindacale (Anaao Assomed-Cimo-Aaroi-Emac- Fp Cgil Medici E Dirigenti Ssn- Fvm- Fassid (Aipac-Aupi-Simet-Sinafo-Snr)-Cisl Medici- Fesmed- Anpo-Nuova Ascoti-Fials Medici- Uil Medici- Ugl Medici- Cimop- Fimmg- Smi- Intesa Sindacale (Cisl Medici-Fp, Cgil Medici, Simet-Sumai)- Sumai- Fespa- Fimp- Cipe- Simpef- Andi- Assomed-Sivemp- Sbv) in vista dell’incontro previsto per mercoledì e dopo le osservazioni alle proposte regionali scrivono al Ministro della salute e al Coordinatore della Commissione salute delle Regioni e sciolgono la riserva anche sul tema dell’accesso al Ssn che molte polemiche ha creato negli ultimi mesi.
 
I sindacati vogliono arrivare ad un’intesa e segnalano nella lettera “la necessità di arrivare ad una rapida conclusione relativamente ai punti dell’art. 22 sui quali sembra esserci una convergenza sostanziale”.
 
E così hanno deciso all’unanimità di respingere il modello (o soluzione simili) di una nuova figura professionale sanitaria da inquadrare come categoria non dirigenziale e da ammettere in soprannumero alle scuole di specializzazione proposto dalle Regioni e  hanno chesto al Governo che “venga trovata una soluzione per allineare i contratti di formazione al fabbisogno”.
 
Per i sindacati il punto è che la proposta regionale “sia pure con motivazioni non disprezzabili” è difficile da applicare: “Richiede una non facile declaratoria dei livelli di autonomia e di responsabilità professionale, che non possono essere sovrapponibili a quella dei medici specialisti”.
 
Ma non solo Art. 22. Le organizzazioni nella lettera approfittano per richiedere “risposte sui punti dell’accordo del 9 marzo” (Intesa di Palazzo Chigi ndr.). Nello specifico su:
 
– tempi per il rinnovo del CCNL della dipendenza
 
– tempistica e la metodologia per avviare il confronto sulla definizione dello standard di personale
 
– apertura del confronto sui contenuti dell’art.17 della riforma PA, per impedire il proliferare di nuove sacche di precariato e contenere i diffusi fenomeni di esternalizzazione di servizi sanitari
 
– la tempistica dell’applicazione delle norme contenute nella Legge di Stabilità per rispettare la direttiva europea sull’orario di lavoro

 

www.ilfarmacistaonline.it

To top