29.Jan.2020

Carenze farmaci. “Situazione critica in tutta Europa”

Tutti i paesi rispondenti hanno sperimentato carenze di medicinali nelle farmacie comunitarie negli ultimi 12 mesi e la grande maggioranza (87%) degli intervistati ha indicato che la situazione è peggiorata rispetto al 2018. È quanto emerse da una survey redatta dall’associazione dei farmacisti europei PGEU su 24 paesi Ue.

Dal sondaggio è emerso che “tutte le classi di medicinali sono affette da carenza nelle farmacie e nella maggior parte dei paesi che hanno risposto (67%), al momento del completamento dell'indagine sono stati elencati oltre 200 medicinali scarsamente disponibili”.

Tutti gli intervistati che hanno risposto hanno dichiarato di “ritenere che la carenza di medicinali causi disagi come l’interruzione dei trattamenti (75% dei paesi), l'aumento dei copayments a seguito di alternative più costose / non rimborsate (58%) e il trattamento non ottimale / efficacia inferiore (42%) sono percepiti come conseguenze negative della carenza di medicine sui pazienti”.

Dalla survey è poi emerso che “la carenza di medicinali influisca sulle attività delle farmacie comunitarie nella maggior parte dei paesi a causa della riduzione della fiducia dei pazienti (92% dei paesi), delle perdite finanziarie dovute al tempo investito nella riduzione delle carenze (82%) e della riduzione della soddisfazione dei dipendenti (79%)”.

Emerse poi molte differenze tra i paesi membri in termini di soluzioni che i farmacisti possono offrire in caso di carenza. Sostituzione generica (79% dei paesi), approvvigionamento dello stesso medicinale da fonti autorizzate alternative (come altre farmacie) (63%) e importazione del medicinale da un paese in cui è disponibile (46%) sono le soluzioni che possono essere fornite nella maggior parte dei paesi europei.

Dato rilevante anche quello del tempo che il personale della farmacia deve dedicare alla gestione della carenza di medicinali: è aumentato da 5,6 ore settimanali (2018) a 6,6 ore settimanali in media.

C’è poi un 25% dei paesi rispondenti che ha indicato che “non esiste ancora un sistema di segnalazione delle carenze che può essere utilizzato dai farmacisti nel loro paese, nonostante i farmacisti spesso incontrino o prevedano difficoltà di approvvigionamento prima che l'industria o i grossisti siano consapevoli che esiste, o lo farà essere, un problema.

Infine la survey evidenzia che i farmacisti ricevono le informazioni necessarie sulle carenze nella maggior parte dei paesi da grossisti (71%), agenzie di medicinali (67%) e organizzazioni farmaceutiche (42%). 

Il presidente della PGEU Duarte Santos ha commentato: “I risultati del 2019 evidenziano l'elevata incidenza, l’aumento costante del numero di carenze di medicinali nella maggior parte dei paesi europei e del loro quotidiano e gravoso impatto sui pazienti e sulle pratiche farmaceutiche in Europa. I dati indicano anche l’esistente divario sulle informazioni necessarie, gli strumenti e le opzioni legali disponibili per i farmacisti dei Paesi europei per fornire soluzioni ai pazienti in caso di carenza. Consigliamo vivamente i responsabili politici e le parti interessate a prendere atto di queste tendenze sorprendenti e agire di conseguenza perché la situazione dei pazienti e degli operatori sanitari in Europa non è più sopportabile e accettabile”.

 

Fonte: IlFarmacistaOnLine

altre news